Visualizza articoli per tag: Scuola di Specializzazione http://w.avvocatomichelebonetti.it Tue, 20 Oct 2020 11:57:38 +0000 Joomla! - Open Source Content Management it-it Scuole specializzazione in Medicina: illegittimo negare il nulla osta ai trasferimenti. http://w.avvocatomichelebonetti.it/component/k2/1721-scuole-specializzazione-in-medicina-illegittimo-negare-il-nulla-osta-ai-trasferimenti http://w.avvocatomichelebonetti.it/component/k2/1721-scuole-specializzazione-in-medicina-illegittimo-negare-il-nulla-osta-ai-trasferimenti Scuole specializzazione in Medicina: illegittimo negare il nulla osta ai trasferimenti.

Ad agosto l'Osservatorio nazionale della formazione medica specialistica aveva proposto di escludere 135 scuole di specializzazione su 1.433 perché non in grado di formare al meglio. Dopo le polemiche, un nuovo controllo e alcuni adempimenti delle Università, la lista è un po' cambiata a settembre 2017 in prossimità del bando. Delle 135 scuole, inizialmente, bocciate 13 sono rientrate con accreditamento provvisorio (Catanzaro-Microbiologia e virologia; Ferrara-Chirurgia vascolare; Ferrara-Medicina dello sport; Firenze-Audiologia e foniatria; Modena-Malattie dell'apparato digerente; Parma-Oftalmologia; Parma-Dermatologia; Pavia-Chirurgia vascolare; Pisa-Medicina dello Sport; Pisa-Audiologia; Pisa-Malattie infettive; Pisa-Medicina del Lavoro; Campus Biomedico-Ginecologia e Ostetricia) mentre 4 sono state ritenute non valutabili (Cattolica-Chirurgia maxillo facciale; Foggia-Malattie dell'apparato digerente; Genova-Medicina dello Sport; Napoli-Federico II-Reumatologia). Ben 10 le scuole considerate non adegute (tra cui Messina-Chirurgia maxillo facciale; Pavia-Chirurgia pediatrica; Pavia-Scienze dell'alimentazione; San Raffaele-Chirurgia vascolare; Messina-Ematologia; Insubria Varese-Medicina legale; Insubria Varese- Neuropsichiatria infantile; Humanitas-Neurochirurgia; Campus Biomedico-Oftalmologia; Chieti-Otorinolaringoiatria).

Secondo quanto oggi confermato da Repubblica.it, una scuola di specializzazione su dieci che in Sicilia prepara i neo-camici bianchi alla professione non ha i requisiti di qualità, e più della metà (55 su 103) ha lacune da colmare. Il record a Messina, che con nove scuole "bocciate" e venti ammesse con "debito" ha la maglia nera in Italia con Foggia e Bari. 

Abbiamo ricevuto mandato da alcuni gruppi di specializzandi che frequentano queste scuole e che, non potendo prendere atto di tali rilievi dell'Osservatorio e del Ministero, ci hanno chiesto se esistano margini per azioni giudiziali risarcitorie e, sin da subito, al fine di limitare i danni, trasferire il proprio percorso verso scuole conformi a legge.

Il Ministero ha confermato che gli Atenei hanno l'obbligo di concedere i nulla osta, ma in tanti stanno resistendo anche adducendo di aver agito in giudizio (quel tanto odiato T.A.R. a cui ora anche loro chiedono giustizia) avverso la decisione del MIUR.

Stante la scadenza dei termini per agire e le vostre numerose richieste, Vi invitiamo a contattarci tempestivamente giacchè l'azione va iniziata, a pena di decadenza, entro 60 giorni da quando avete ricevuto il diniego al nulla osta.

Inoltre, anche ai fini risarcitori, consigliamo a tutti gli interessati, di formalizzare il proprio interesse al trasferimento giacchè tale scelta potrebbe incidere, ai sensi dell'art. 1227 c.c. in un ipotetico contenzioso futuro.

Per info scrivere a info@avvocatomichelebonetti.it 

]]>
andrea.mineo@avvocatomichelebonetti.it (Andrea Mineo) News Fri, 10 Nov 2017 14:33:54 +0000
Specializzazioni mediche: l'intervista http://w.avvocatomichelebonetti.it/component/k2/1226-specializzazioni-mediche-lintervista http://w.avvocatomichelebonetti.it/component/k2/1226-specializzazioni-mediche-lintervista Specializzazioni mediche: l'intervista

Carissimi,

Ecco l’intervista sulle specializzazioni mediche rilasciata a Controcampus; inoltre ecco l’intervista in versione integrale in cui spiego il mio punto di vista sulla situazione contingente da affrontare.

Vostro, Avv. Michele Bonetti

]]>
claudia.palladino@avvocatomichelebonetti.it (Claudia Palladino) News Wed, 13 May 2015 19:04:11 +0000
DIROMPENTE VITTORIA AL CONSIGLIO DI STATO SULLE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE NON MEDICHE. http://w.avvocatomichelebonetti.it/campagne/altre-campagne/specializzazioni-non-mediche/583-dirompente-vittoria-al-consiglio-di-stato-sulle-scuole-di-specializzazione-non-mediche http://w.avvocatomichelebonetti.it/campagne/altre-campagne/specializzazioni-non-mediche/583-dirompente-vittoria-al-consiglio-di-stato-sulle-scuole-di-specializzazione-non-mediche DIROMPENTE VITTORIA AL CONSIGLIO DI STATO SULLE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE NON MEDICHE.

La vittoria concerne un aspirante candidato ad una Scuola di Specializzazione rimasto escluso presso l’Università “La Sapienza”. Il nostro ricorrente si collocava nono su n. 6 posti messi a disposizione dal predetto Ateneo.

L’Università “La Sapienza” successivamente ampliava i posti disponibili per il tramite di un mero avviso on-line e scavalcava, in tal modo, parte degli studenti tra cui il nostro assistito (che per semplicità espositiva da ora in poi chiameremo Tizio).

L’Università sosteneva di aver informato il Sig.Tizio tramite mail, così come prescritto dal bando, anche se nulla risultava al nostro ricorrente.

Il Sig. Tizio impugnava gli atti dinanzi al Tar richiedendo un decreto cautelare urgente al Presidente del Tar. Il Tar del Lazio con decreto n. 8909 del 2013, in virtù dei poteri istruttori previsti dal nuovo codice del processo amministrativo, disponeva la comparizione di entrambe le parti.

Comparivano sia il rappresentante dell’Università La Sapienza sia lo stesso Tizio i quali, in sede di comparizione, venivano entrambi uditi dal Presidente del Tar.

L’indomani con decreto n. 1812/2013 il Tar accoglieva l’istanza di Tizio ma limitatamente alla partecipazione con riserva del ricorrente a tutte le attività in corso presso la scuola di specializzazione e rinviava in sede collegiale alla successiva Camera di consiglio.

Pertanto, il ricorrente non poteva immatricolarsi direttamente ma gli veniva concessa la possibilità di frequentare.

In sede collegiale il Tar del Lazio riformava il decreto del Presidente del Tar facendo sì che Tizio perdesse ogni diritto non solo alla partecipazione alle lezioni ma anche all’immatricolazione.

Il provvedimento negativo del Tar, pur se reso con la forma dell’ordinanza, si presentava ben motivato.

La tenacia del ricorrente e dello Studio legale Avvocato Michele Bonetti & Partners ci ha determinati a proseguire in II° grado con l’impugnazione dell’ordinanza al grado superiore della Magistratura amministrativa, il Consiglio di Stato.

La VI° sezione del Consiglio di Stato con decreto lampo n. 2409/2013 accoglieva di nuovo l’istanza di Tizio in via provvisoria consentendogli nuovamente la frequenza alla Scuola di Specializzazione nelle more della trattazione collegiale che fissava per il 30 luglio.

Così tizio riprendeva di nuovo a frequentare essendogli stata nel frattempo inibita ogni forma di partecipazione da l’università “La Sapienza”.

In data 31 luglio u.s. il Consiglio di Stato con ordinanza motivata, reputata la necessità di accogliere la richiesta misura provvisoria, accoglieva l’appello. In tal modo è stata restituita al nostro ricorrente la possibilità di studiare al corso di Specializzazione e di immatricolarsi e il Consiglio di Stato accoglieva la richiesta di Tizio di effettuare accertamenti ed istruttorie.

Vedi tutti i provvedimenti del Tar Lazio e del Consiglio di Stato in allegato.

]]>
roby.nardi@fastwebnet.it (Roberta Nardi) Specializzandi non medici Mon, 05 Aug 2013 14:06:29 +0000
LUGLIO 2010: IL TAR LAZIO ACCOGLIE I PRIMI RICORSI CONTRO IL NUMERO CHIUSO ALLA SAPIENZA http://w.avvocatomichelebonetti.it/campagne/numero-chiuso/186-luglio-2010-il-tar-lazio-accoglie-i-primi-ricorsi-contro-il-numero-chiuso-alla-sapienza http://w.avvocatomichelebonetti.it/campagne/numero-chiuso/186-luglio-2010-il-tar-lazio-accoglie-i-primi-ricorsi-contro-il-numero-chiuso-alla-sapienza IL TAR LAZIO ACCOGLIE I PRIMI RICORSI CONTRO IL NUMERO CHIUSO PER LA FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA PRESSO L'UNIVERSITA' LA SAPIENZA.

Il TAR Lazio, investito nuovamente dell'annosa questione in merito al numero chiuso e alle modalità di esecuzione delle prove selettive del 2010, ha ammesso gli studenti al corso di laurea in medicina e chirurgia precisando che "nella specie, anche a prescindere dalla valutazione sulla sussistenza o meno di un pregiudizio grave ed irreparabile derivante dall'esecuzione dell'atto impugnato", vi sia "la sussistenza, ad un sommario esame, di una ragionevole previsione sull'esito favorevole del ricorso le cui doglianze appaiono assistite dal 'fumus boni juris'".

La posizione assunta dal TAR Lazio è di grande valore in quanto il Collegio adito, pur essendo negli ultimissimi tempi tra i più restii all'accoglimento dei ricorsi in materia di numero chiuso e delle sospensive, ha innovato le proprie posizioni permettendo agli studenti di essere immatricolati al corso di laurea in medicina e chirurgia ad anno accademico, a riprova della fondatezza delle questioni giuridiche sottese alle doglianze avanzate dagli studenti.

doc Vedi gli accoglimenti del 2010 del Tar Lazio
]]>
info@zerogravita.com (Super User) Numero chiuso Thu, 02 Sep 2010 13:41:27 +0000
RICORSI PER IL TRASFERIMENTO NEGLI ATENEI ITALIANI DI STUDENTI PROVENIENTI DA UNIVERSITA' ESTERE http://w.avvocatomichelebonetti.it/component/k2/185-ricorsi-per-il-trasferimento-negli-atenei-italiani-di-studenti-provenienti-da-universita-estere http://w.avvocatomichelebonetti.it/component/k2/185-ricorsi-per-il-trasferimento-negli-atenei-italiani-di-studenti-provenienti-da-universita-estere Appositamente interpellato il TAR si è espresso sull'illegittimità del comportamento posto in essere da taluni Atenei Italiani a seguito di una circolare del Miur che prevede di subordinare il trasferimento di studenti provenienti da Università comunitarie al superamento del test di ingresso previsto dal nostro ordinamento per alcune facoltà come medicina e chirurgia o odontoiatria.
Così si pronunciava il TAR Catania poco prima dell’estate del 2010:"allo stato della normativa generale e speciale che regolamenta il passaggio da Università straniere non è prevista la sottoposizione dello studente ad un esame eguale a quello necessario per l'accesso al primo anno del corso di laurea, talchè l'iscrizione risulta subordinata alle sole condizioni attualmente previste, ancorchè il sistema così delineato finisca col consentire palesi elusioni dei rigidi criteri di selezione predisposti in sede nazionale per l'accesso alle Facoltà scientifiche a numero chiuso" (T.A.R. Sicilia, Catania).
In tal senso si sono poi espressi anche altri Tribunali Amministrativi del territorio nazionale rilevando la illegittimità di un siffatto trattamento che creerebbe violazione dei principi europei nonché del fondamentale principio di uguaglianza e non discriminazione dei cittadini. Oltretutto, così procedendo, studenti con un percorso universitario avanzato verrebbero illegittimamente parificati a coloro che ancora devono accedere agli studi superiore, a loro volta pregiudicati dovendosi confrontare con chi ha conoscenze e competenze specialistiche nettamente superiori. 

]]>
info@zerogravita.com (Super User) News Thu, 02 Sep 2010 13:37:51 +0000