Avvocato Michele Bonetti

Avvocato Michele Bonetti

Lunedì, 27 Ottobre 2008 00:00

LE CELLULE STAMINALI

Carissime e carissimi sento la necessità di richiamare la Vostra attenzione sul tema della conservazione delle cellule staminali. Non a caso mi rivolgo sia alle “carissime” sia ai “carissimi”:  mi preme, infatti, sottolineare che i divieti legati alla conservazione di queste cellule, che sono in grado di curare tante malattie, costituiscono un problema non solo per le donne che si trovano o si troverranno a partorire ma per tutti i cittadini di questo Paese che, ancora una volta, si vedono inibita, una preziosa chance di guarigione in caso di malattia.

Care ragazze e cari ragazzi,

oggi in data 26 agosto ’08 si è tenuta udienza dinanzi alla sesta sezione del Consiglio di Stato presieduta dal Giudice Consigliere Giuseppe Barbagallo, e con Relatore Francesco Bellomo.

L’udienza era stata fissata a seguito dell’intervenuta impugnazione da parte del Miur che ci ha notificato circa 2000 appelli richiedendo la immediata sospensione della nostra sentenza in cui veniva anche annullato il decreto Mussi blocca ricorsi Udu.

Lunedì, 28 Luglio 2008 02:00

I GIORNI DI GIUDA

Con questo commosso e polemico discorso pronunciato a Palermo il 25 giugno 1992 nel corso di una manifestazione promossa da Micromega Borsellino denunciò con forza e senza nessun ricorso alla diplomazia la costante opposizione al lavoro e al metodo di Giovanni Falcone di parti consistenti delle istituzioni, che hanno agito per isolare il fondatore del pool antimafia e per rendere impossibile il suo impegno: in questo senso, “Falcone cominciò a morire nel gennaio del 1988” quando il CSM gli preferì Antonino Meli per la carica di procuratore capo di Palermo.

Quest'intervento è stato pubblicato nel marzo 1993 sulla rivista Micromega.

Domandiamoci che cosa è per i giovani la Costituzione. Che cosa si può fare perché i giovani sentano la Costituzione come una cosa loro, perché sentano che nel difendere, nello sviluppare la Costituzione, continua, sia pure in forme diverse, quella Resistenza per la quale i loro fratelli maggiori esposero, e molti persero, la vita.
Uno dei miracoli del periodo della Resistenza fu la concordia fra partiti diversi, dai liberali ai comunisti, su un programma comune. Era un programma di battaglia: Via i fascisti! Via i tedeschi!
Questo programma fu adempiuto. Ma il programma comune di pace, fu fatto in un momento successivo. E fu la Costituzione.
La Costituzione deve essere considerata, non come una legge morta, deve essere considerata, ed è, come un programma politico. La Costituzione contiene in sé un programma politico concordato, diventato legge, che è obbligo realizzare.
Pagina 20 di 20

Visite oggi 627

Visite Globali 3134090