Visualizza articoli per tag: Commissione http://w.avvocatomichelebonetti.it Tue, 07 Apr 2020 13:18:47 +0000 Joomla! - Open Source Content Management it-it Irregolarità al test di accesso in medicina generale: al via al ricorso http://w.avvocatomichelebonetti.it/campagne/medici-e-affini/concorso-medici-generici/933-irregolarit%C3%A0-al-test-di-accesso-in-medicina-generale-al-via-al-ricorso http://w.avvocatomichelebonetti.it/campagne/medici-e-affini/concorso-medici-generici/933-irregolarit%C3%A0-al-test-di-accesso-in-medicina-generale-al-via-al-ricorso Irregolarità al test di accesso in medicina generale: al via al ricorso

Il 17 settembre 2014 si è svolta la prova di selezione per l’accesso ai corsi regionali di formazione specifica di medicina generale: migliaia i partecipanti, altrettanto numerose le segnalazioni di irregolarità che sono state riscontrate in sede di concorso. Tra le principali è stata denunciata l’impossibilità in molte sedi di garantire le condizioni ambientali e gli standard minimi per il regolare svolgimento di un pubblico concorso.

In particolare, da diversi candidati è stata lamentata l’inadeguatezza degli spazi adibiti alle prove concorsuali ad ospitare l’ingente afflusso degli ammessi alle selezioni; il numero dei membri delle commissioni, inoltre, non sarebbe stato sufficiente a rispettare il timing relativo alle procedure concorsuali ed a garantire un’adeguata sorveglianza dentro le aule.

Ma non è tutto. Pare che ci sia stata la possibilità da parte di alcuni concorrenti di collaborare durante lo svolgimento delle prove ovvero di avvalersi dell’ausilio di alcuni libri di testo e di cellulari o di altri dispositivi connessi ad internet.

Si sono verificate gravi anomalie dovute anche alla mancanza di linee guida comuni a tutte le Commissioni che, in sedi diverse e per quanto risulta dalle numerose segnalazioni pervenuteci, hanno agito in maniera diametralmente opposta.

Per tutti i motivi appena esplicati gli Avvocati Giuseppe Pinelli, Santi Delia e Michele Bonetti impugneranno gli atti di concorso di tutte le Regioni al fine di bloccare, annullandolo definitivamente, il concorso appena svolto così da consentire di poter procedere ad una nuova prova di concorso i cui esiti premino davvero, attraverso una procedura trasparente e conforme a legge, i più meritevoli e non i più furbi.

L'azione mira quindi alla ripetizione del concorso e non all'ammissione al corso dei ricorrenti.

L'adesione deve pervenire entro e non oltre il 30 ottobre 2014, così da poter provvedere ad un'azione celere che blocchi la pubblicazione delle graduatorie o, ove frattanto pubblicate, possa farle annullare.

Può inoltre aderire prima della pubblicazione della graduatoria, anzi è preferibile che ciò avvenga in quanto l'azione è più efficace ove prima proposta.

Il costo dell’azione è pari ad euro 150,00, e comprende ogni onere e spesa prevedibile per il giudizio di primo grado.

MODALITA' DI ADESIONE

Per aderire bisogna compilare la documentazione allegata con le istruzioni ivi presenti.

]]>
roby.nardi@fastwebnet.it (Roberta Nardi) Concorso dei medici generici Mon, 29 Sep 2014 13:10:14 +0000
Concorso magistratura 2014: irregolarità durante le prove scritte http://w.avvocatomichelebonetti.it/campagne/scuola/per-la-scuola-e-per-i-presidi/831-concorso-magistratura-2014-irregolarit%C3%A0-durante-le-prove-scritte http://w.avvocatomichelebonetti.it/campagne/scuola/per-la-scuola-e-per-i-presidi/831-concorso-magistratura-2014-irregolarit%C3%A0-durante-le-prove-scritte Concorso magistratura 2014: irregolarità durante le prove scritte

In questi giorni i nostri studi sono stati contattati da numerosi partecipanti alle prove scritte del concorso per 365 posti di magistrato ordinario indetto dal Ministero della Giustizia.

Gli Avvocati Michele Bonetti e Santi Delia hanno ricevuto circostanziate segnalazioni da diversi partecipanti che, in maniera del tutto autonoma l'uno dall'altro, hanno rappresentato presunte irregolarità che, ove accertate, renderebbero certamente annullabili le prove di concorso espletate. Sembrerebbe che diversi candidati siano stati trovati in possesso di testi non consentiti. Non solo codici commentati ma anche dizionari giuridici che, durante la prova, potevano circolare liberamente nell'aula proprio perchè autorizzati dalla Commissione.

Altri candidati affermano di aver visto appunti di ogni genere e di aver essi stessi subito controlli assai approssimativi da parte di commissari e vigilantes.

Anche al fine di vagliare la fondatezza e la veridicità di tali segnalazioni, un gruppo di candidati ha dato mandato agli Avvocati Bonetti e Delia di presentare istanza d'accesso al Ministero della Giustizia per chiedere copia dei verbali di concorso.

La partecipazione alla richiesta di accesso è gratuita.

Per aderire alla richiesta di accesso scrivi a info@avvocatomichelebonetti.it Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. e riceverai istruzioni dettagliate.

]]>
roby.nardi@fastwebnet.it (Roberta Nardi) News Tue, 01 Jul 2014 10:59:29 +0000
Confusi ed infelici alla Sapienza: test di psicologia a biologia. http://w.avvocatomichelebonetti.it/campagne/scuola/per-la-scuola-e-per-i-presidi/596-confusi-ed-infelici-alla-sapienza-test-di-psicologia-a-biologia http://w.avvocatomichelebonetti.it/campagne/scuola/per-la-scuola-e-per-i-presidi/596-confusi-ed-infelici-alla-sapienza-test-di-psicologia-a-biologia Confusi ed infelici alla Sapienza: test di psicologia a biologia.

Siamo abituati ogni anno ad esaminare le gravi violazioni commesse durante i test di ammissione alle facoltà a numero chiuso. Quanto successo alla Sapienza, il 3 settembre 2013 in occasione del test di ammissione alla facoltà di Biologia, rappresenta però la violazione più bizzarra e insieme più lesiva che si poteva immaginare a danno di ben 1.600 aspiranti matricole: il test di ammissione era, in realtà, il test per la facoltà di psicologia!

Ai giovani studenti, dunque, dopo un’estate passata ad esercitarsi con i quiz di biologia, chimica e fisica, infatti, sono stati sottoposti quiz di psicologia, sull’inconscio, sul concetto di stress e su argomenti, dunque, per nulla attinenti alle materie scientifiche.

Nelle aule del test, il panico, la sconfitta, l’inadeguatezza hanno preso il sopravvento su questi giovani studenti che non si aspettavano altro che domande di matematica, fisica, chimica per le quali avevano pagato anche il bollettino da euro 35,00.

Solo dopo un’ora, su segnalazione degli stessi studenti, la Commissione ha deciso di riferire l’accaduto ai piani alti; i plichi sono stati ritirati e sostituiti, pregiudicando in ogni caso in maniera irreparabile la prova del singolo candidato e la possibilità di immatricolarsi.

Oramai quanto accade in sede di prova di ammissione è la cartina tornasole di ben 10 anni di battaglie contro il numero chiuso che l’UdU, con lo staff dell’Avv. Michele Bonetti, ha portato in tutte le sedi giudiziarie. Le giustificazioni del Rettore della Sapienza sono del tutto inaccettabili. Non permetteremo che un’illegittimità così grave possa essere venduta come mero errore”. Tuona così Michele Orezzi, rappresentante dell’UdU che conclude: “La Sapienza ancora una volta guadagna il primo posto tra i nemici del diritto allo studio”.

Ancora più deciso l’avv. Michele Bonetti: “Inizieremo con il richiedere alla Sapienza la restituzione delle somme versate dagli studenti. Valuteremo ogni opportunità giuridica, al solo scopo di tutelare i nostri ragazzi, ulteriormente martoriati da un test che oltretutto per le facoltà di Biologia e di Psicologia non dovrebbe essere previsto. L’art. 2 della L. 264/99 è chiarissimo nel definire i criteri per l’applicazione del test di ingresso, del tutto inesistenti per la facoltà di Biologia e Psicologia”.

]]>
roby.nardi@fastwebnet.it (Roberta Nardi) News Thu, 05 Sep 2013 18:11:31 +0000